Al Convento di San Francesco

Il volto sacro della Calabria è senza dubbio rappresentato da San Francesco di Paola, protettore dell’intera regione e dei marinai d’Italia.
La Chiesa e il Convento di S. Francesco si trova a Paola (CS) alla punta sud della Riviera dei Cedri, tra il capo Bonifati ed il promontorio di Amantea. La fondazione di Paola si attribuisce agli Enotri o da coloni romani, forse da Lucio Paolo Emilio (da cui il nome). Nel sito monastico è da ammirare la chiesa antica di stile barocco datata nel XVI secolo e tutto il percorso attiguo, il convento dove si respira un’aria mistica densa di profumi e di pace. Si possono visitare i luoghi dove il Santo ha pregato, ha operato miracoli come la Fonte della Cuchiarella dove sgorga acqua miracolosa. L’acqua viene attinta con la cucchiarella e mantiene sempre lo stesso livello, anche quando i francesi, nel 1806, la fecero prosciugare.
Si narra che il Santo la fece sgorgare per dissetare degli operai che stavano lavorando nel convento e, poi gettando una lisca, fece ritornare in vita la trota Antonella per sfamare gli stessi operai.
Sul muro del ponte del diavolo è visibile il segno che lasciò il diavolo che tentò San Francesco, oppure la bomba inesplosa e guidata dalla mano del Santo nel torrente adiacente, che avrebbe distrutto l’intero convento durante la seconda guerra mondiale, fino ad arrivare al romitorio, dove San Francesco si ritirava in preghiera e lungi digiuni.
Per il visitatore della Riviera dei Cedri, una tappa obbligata quindi, è sicuramente rappresentata da una visita al Santuario di San Francesco di Paola, un luogo dove accostarsi con rispetto e devozione, per uscirne ricco di serenità e carico di nuova linfa spirituale.